Blog | Ghostwriter
Articoli e Guide per Imparare a Realizzare un Libro Professionale

Come scrivere un autobiografia? Trasforma la tua ordinarietà in straordinarietà!

«Io? Scrivere un libro? Ma va', mi piacerebbe eh. Lo sogno da tanto tempo. Sì, riuscirei a realizzare un grande obiettivo. Ma vuoi mettere? Nessuno leggerebbe la mia autobiografia, non ho fatto nulla di memorabile, non ho nulla da dire! Sono una persona ordinaria, una persona come tante altre».

Okay, facciamo un gioco.

Immaginiamo tre personaggi che, in un racconto di nostra invenzione, potrebbero pronunciare le parole in questione.

Inizio io.

Marta, 45 anni. Ha una figlia di 18 anni con la quale ha un rapporto intimo, complice. Negli ultimi anni ha lasciato il lavoro in ufficio per dedicarsi ai propri hobby. Con l'aiuto della figlia, ha aperto una pagina sui social-network per vendere le sue prime creazioni in resina.

Luca, 60 anni, impiegato in un ufficio postale ormai in pensione. Trascorre le giornate in compagnia della moglie Maria e non si tira mai indietro di fronte a un "assaggio veloce" dei piatti cucinati per lui dalla compagna.

Andrea, 25 anni. Rampante matricola di medicina, è un appassionato di sport estremi e di protocolli dietetici innovativi. Passa il tempo libero con la testa china sui libri di nutrizionismo che acquista in lingua inglese perché «troppo impaziente che li traducano, male per giunta!».

Eccoli qui, davanti a noi.

I tre personaggi che, pur accomunati dal sogno proibito di raccontare la propria storia, sono convinti di non avere nulla da dire. In fondo, chi è interessato a storie di ordinarietà, di banalità, di superficialità? Tuttavia, basta cambiare prospettiva (giusto un poco) per intuire che le storie di Marta, Luca e Andrea, beh, tanto comuni non sono.

Marta ha molto da dire sulla maternità: da un lato, infatti, ha coltivato il rapporto madre-figlia in maniera vincente, coinvolgendo la primogenita in un nuovo progetto di business e, dall'altro, si è imbarcata in un'avventura lavorativa sulle piattaforme di vendita 2.0 tanto in voga in questo momento. Il suo pubblico? Giovani mamme alle prese con le sfide dello sviluppo infantile, appassionate di fai-da-te, nonché donne sulla quarantina alla ricerca di cambiamento, di incoraggiamento e di nuove chance di riscatto.

Anche Luca ha molto da raccontare: quali sono gli aspetti più esilaranti, difficili o commoventi di un lavoro bancario? È giunto il momento di riscattare la categoria degli impiegati, tra i più stereotipati dell'universo lavorativo. Dopotutto, il nostro protagonista riconosce a colpo d'occhio le persone-tipo che si rivolgono a lui, ha indagato per lunghi anni i rapporti umani e possiede delle ottime doti comunicative. Perché non condividerle con un pubblico alla ricerca di una lettura comica, leggera e stimolante?

Infine, il nostro studente di medicina ha tutte le carte in regola per scrivere un manuale in cui riassumere le competenze maturate su sport, nutrizionismo e attività fisica per dire bye bye alla sedentarietà. Tra un capitolo informativo e l'altro, Andrea può raccontare di quella volta in cui ha fatto bungee-jumping, oppure di quando ha battuto il suo personale record di nuoto libero.

Insomma, le più piccole vittorie, combinate all'impatto emozionale dello storytelling, possono trasformarsi nella tredicesima fatica di Ercole!

Perché scrivere (o farsi scrivere) il tuo libro autobiografico oggi stesso?

Ah, il potere degli imprevisti! Quando da bambina giocavo interminabili partite di Monopoli con i miei vicini di casa, mandavano sempre a rotoli i miei piani (malefici) di diventare milionaria con l'acquisto di Parco della Vittoria. Nella vita di tutti i giorni, poi, gli imprevisti non sono da meno. Affrontiamo incidenti di percorso da quando, nel tentativo di muovere i primi passi o restare in equilibrio su una bicicletta, inciampavamo e ruzzolavamo come trottoline.

Anche noi – come gli eroi dei romanzi che amiamo di più – viviamo una vita ordinaria fino al momento in cui, in maniera spesso imprevista, la tranquillità della routine viene messa a dura prova. Certo, probabilmente non siamo chiamati a sconfiggere un'orda di zombie, a uccidere un mago di enorme potere, oppure a gettare un anello indistruttibile nella lava di un vulcano, come Frodo; ma dobbiamo, nel nostro piccolo, cambiare lavoro, trasferirci, correre una maratona, affrontare una malattia dolorosa, aprire un'attività, superare il tradimento della nostra dolce metà, e così via.

Poco importa che gli stimoli al cambiamento siano interni o esterni, bianchi o neri, grandi o microscopici, lieti o sofferti. Arriva un momento in cui, volente o nolente, l'imprevisto bussa alla porta e noi ci infiliamo le scarpe da ginnastica (vere o metaforiche) per partire alla volta di un'esperienza rivoluzionaria, incerta, densa di punti interrogativi. È questo il viaggio dell'eroe teorizzato nelle brillanti pagine dell'omonimo libro di Christopher Vogler – che ti consiglio di leggere.

Indipendentemente dal problema "banale" che hai affrontato, hai tutte le carte in regola per narrare una storia memorabile. La tua.

Scrittura autobiografica: da dove iniziare?

Di consigli per scrivere un'autobiografia con la A maiuscola ce ne sono a bizzeffe: tieni un diario quotidiano, rispolvera il passato servendoti di vecchi album di famiglia (o di post su Facebook, perché no?), stabilisci a priori il target a cui rivolgerti, dai priorità alle tue emozioni e, infine, rimescola i punti salienti della trama per tenere incollato il tuo pubblico alle pagine del manoscritto, in un climax di tensione e di partecipazione emotiva via via crescente.

Ma soprattutto, sii schietto. È facile cadere nell'errore di censurare gli aspetti più fragili, autentici, compromettenti e socialmente deprecabili del protagonista-autore. Eppure, affinché il libro lasci un segno tangibile nella mente e nel cuore del lettore, è importante evitare la trappola dell'autocelebrazione e dell'autoreferenzialità.

Io ti ho avvisato!

Ma c'è altro che noi di Ghostwriter possiamo fare per te: A) seguirti nelle fasi di scrittura, revisione e pubblicazione del manoscritto un passo alla volta col nostro servizio di coaching, oppure B) prestare la nostra penna alla tua voce, confezionando un libro di qualità, una perla editoriale che racconti chi sei, senza filtri. Siamo scrittori su commissione con (tanta) esperienza alle spalle (ma non chiamarci vecchietti, siamo soltanto stagionati!). Padroneggiamo le tecniche di storytelling con la stessa dedizione di artigiani di parole, capaci di cucire un vestito di carta realizzato su misura per te.

Non vediamo l'ora di scambiare quattro chiacchiere in tua compagnia e scoprire la tua storia (stra)ordinaria.

Ti aspettiamo!

Qual è la differenza tra autobiografia e biografia?

Quando si parla di racconto di vita, spesso emergono dubbi sulle differenze tra autobiografia e biografia. Entrambe narrano la vita di una persona, ma da prospettive differenti.

La biografia è la descrizione della vita di un individuo realizzata da un'altra persona. Il biografo, attraverso ricerche e spesso interviste, ricostruisce gli eventi e le esperienze vissute dal soggetto della biografia. Un elemento chiave è l'imparzialità: il biografo deve presentare i fatti in modo obiettivo, cercando di mantenere un'analisi equilibrata e critica.

L'autobiografia, al contrario, è scritta dalla stessa persona di cui tratta. L'autobiografo narra in prima persona le proprie esperienze, pensieri ed emozioni. In questa forma narrativa, l'enfasi è sulla percezione personale e sull'introspezione. Le memorie, un sottogenere dell'autobiografia, si concentrano su specifici periodi o eventi della vita dell'autore, offrendo un resoconto più focalizzato.

La scelta tra biografia e autobiografia dipende dal tipo di storia e prospettiva che si desidera esplorare. Entrambe offrono approfondimenti unici e preziosi nella vita di una persona, ma con occhiali differenti: oggettività esterna per la biografia, introspezione personale per l'autobiografia.

In entrambi i casi, un'agenzia di ghostwriting come ghotwriter.it può aiutarti a scrivere e a realizzare il tuo progetto. Che tu voglia raccontare la tua storia o quella di qualcun altro, possiamo fornire l'esperienza e la sensibilità narrativa necessarie per catturare l'essenza della narrazione.

Cos' è e come si scrive un memoir

Il memoir è un genere letterario che si concentra sulla narrazione di specifici episodi o periodi della vita di un autore, diversamente dall' autobiografia, che racconta l'intera vita. Un memoir offre una prospettiva più intima e focalizzata, permettendo all'autore di esplorare in profondità tematiche, sentimenti e esperienze personali.

Per scrivere un memoir efficace, è fondamentale concentrarsi su alcuni aspetti chiave. Primo, la selezione degli eventi: a differenza di un'autobiografia, non è necessario narrare ogni fase della vita. Scegli eventi significativi che hanno plasmato il tuo essere o che trasmettono un messaggio universale.

Secondo, l'onestà emotiva è cruciale. Un memoir richiede di esplorare e presentare sinceramente sentimenti e riflessioni, anche quelli scomodi o dolorosi. Questa autenticità emotiva crea una connessione profonda con i lettori.

Terzo, la scrittura riflessiva e analitica. Oltre a descrivere gli eventi, è importante analizzare come questi hanno influenzato la tua vita e il tuo sviluppo personale. Il memoir dovrebbe offrire non solo un racconto, ma anche una riflessione su di esso.

Infine, considera lo stile narrativo. Anche se stai scrivendo di te stesso, una narrazione avvincente e ben strutturata è essenziale per catturare l'interesse del lettore. Elementi come dialoghi vivaci, descrizioni immersive e una struttura coerente possono arricchire enormemente il tuo racconto.

Se desideri assistenza professionale nello scrivere il tuo memoir, la nostra agenzia di ghostwriting offre vari servizi di scrittura, editing e coaching per aiutarti a trasformare le tue esperienze di vita in un'opera memorabile e coinvolgente.

I consigli del Ghostwriter per un'autobiografia perfetta

Scrivere un'autobiografia non è solo un atto di racconto personale, ma anche un'arte. Come ghostwriter, ecco alcuni consigli per rendere la tua autobiografia non solo perfetta, ma anche coinvolgente e ispiratrice.

Innanzitutto, definisci il focus della tua storia. Una autobiografia non deve necessariamente coprire l'intero arco della tua vita. Concentrati sugli eventi e sui periodi che hanno avuto un impatto significativo su di te. Selezionare temi specifici può rendere il racconto più interessante.

Utilizza uno stile narrativo che rifletta la tua voce unica. In un'autobiografia, la voce narrante – la tua – deve essere autentica e personale. Questo crea un collegamento diretto con il lettore, rendendo la storia più avvincente.

Ricorda di includere non solo successi, ma anche fallimenti e sfide. Questi aspetti rendono il racconto umano e relatabile, offrendo una visione completa della tua esperienza di vita.

Includere dialoghi vivaci e descrizioni dettagliate può dare vita al racconto, rendendo le scene più reali e memorabili per i lettori.

Non dimenticare l'importanza di una buona revisione e editing. Anche la storia più affascinante può perdere impatto a causa di errori grammaticali o di struttura.

Se ti senti sopraffatto dal compito, considera l'assistenza di un ghostwriter professionista.Ghostwriter.it può aiutarti a strutturare la tua storia, a perfezionare la tua voce narrativa e a superare gli ostacoli comuni nella scrittura autobiografica. Scegliere di lavorare con un professionista può trasformare la tua autobiografia da un semplice racconto a un'opera veramente perfetta e toccante.

Faq & Guide

Domanda: Come iniziare a scrivere un testo autobiografico?
Risposta: Per iniziare a scrivere un testo autobiografico, è importante prima riflettere sui momenti chiave della propria vita e sul messaggio che si vuole trasmettere. Definisci il tema centrale, organizza gli eventi in una sequenza cronologica o tematica e inizia con un episodio significativo o una riflessione che attiri l'attenzione del lettore.

Domanda: Chi può scrivere un'autobiografia?
Risposta: Chiunque abbia una storia da raccontare può scrivere un'autobiografia. Non è necessario essere famosi o avere vissuto esperienze straordinarie; ogni persona ha momenti unici e prospettive interessanti da condividere.

Domanda: Cosa si scrive in una autobiografia?
Risposta: In un'autobiografia, si scrivono esperienze personali, eventi della propria vita, pensieri, sentimenti e riflessioni. È importante includere non solo gli eventi, ma anche come questi hanno influenzato il proprio sviluppo personale e le scelte di vita.

Domanda: Come fare l'inizio di un libro?
Risposta: L'inizio di un libro dovrebbe catturare l'interesse del lettore, stabilire il tono del racconto e introdurre elementi chiave della trama o del tema principale. Può iniziare con un dialogo intrigante, una descrizione suggestiva, o un evento misterioso o emozionante.

Domanda: Chi contattare per scrivere un libro?
Risposta: Per scrivere un libro, puoi contattare editori, agenti letterari, o un servizio di ghostwriting. Un ghostwriter professionista o un editor può aiutare a strutturare, scrivere e perfezionare il tuo manoscritto.

Domanda: Perché si scrive un libro autobiografico?
Risposta: Si scrive un libro autobiografico per diversi motivi: per condividere le proprie esperienze e insegnamenti, per lasciare un'eredità, per trovare una forma di guarigione personale o semplicemente per raccontare la propria storia.

Domanda: Qual è la differenza tra autobiografia e biografia?
Risposta: L'autobiografia è scritta dal soggetto stesso e narra la sua vita dalla prospettiva interna, mentre la biografia è scritta da un'altra persona e descrive la vita del soggetto da una prospettiva esterna.

Domanda: Come si conclude un libro?
Risposta: Un libro si conclude risolvendo i conflitti principali, rispondendo alle domande chiave sollevate nel racconto e lasciando il lettore con una sensazione di chiusura. Una conclusione efficace può anche fornire una riflessione o un commento finale che risona con il lettore.

Domanda: Come scrivere la biografia di una persona?
Risposta: Per scrivere la biografia di una persona, è necessario fare ricerche approfondite sulla sua vita, intervistare il soggetto se possibile, e raccontare la storia in modo oggettivo, ponendo attenzione ai dettagli importanti e agli eventi significativi della vita del soggetto.

Domanda: Cosa si intende con autobiografia?
Risposta: Con autobiografia si intende il racconto scritto da un individuo sulla propria vita, che comprende non solo gli eventi esterni, ma anche riflessioni interne, emozioni e analisi personale.

Domanda: Cosa sono le autobiografie cognitive?
Risposta: Le autobiografie cognitive sono narrazioni che si concentrano sugli aspetti psicologici e sullo sviluppo mentale ed emotivo di un individuo. Esse esplorano come eventi e relazioni hanno influenzato il modo di pensare e di sentire del narratore.

Domanda: Come si scrive un memoir?
Risposta: Scrivere un memoir richiede di focalizzarsi su specifici eventi o periodi della vita del narratore, offrendo una prospettiva personale e intima. È importante essere onesti, riflessivi e di includere non solo le narrazioni degli eventi, ma anche le emozioni e i pensieri correlati.

 

 

Logo Ghostwriter

Attivo dal 2012, Ghostwriter ha offerto nel tempo i propri servizi editoriali a grandi aziende nazionali ed estere, tra le quali Giorgio Armani, Toyota Motor Italia e MSC Crociere.

Oggi, grazie agli editor e agli autori professionisti che compongono il suo staff e alla sua esperienza decennale nel settore editoriale, Ghostwriter può garantire ai propri clienti libri di qualità e la certezza di saper veicolare ogni messaggio nel modo più giusto.

Contatti

Telefono: 06-86356981

Whatsapp: 351-8083673

Email: info@ghostwriter.it

Piazza IV Novembre, 5
00062 - Bracciano (RM)
(si riceve solo su appuntamento)